Storia

Nel 1919 Carlo Pietro Baccari fondò l'Unione Sportiva Vigor Nicastro che iniziò l'attività locale nel 1920, e vincendo sempre, fu soprannominata il tifone. Venne chiamata Vigor per voler simboleggiare l'incrollabile fede e speranza nel gioco del calcio dei giovani, che la componevano con forza, vigore e coraggio.

La prima divisa della Vigor era composta da una maglia bianca con una larga striscia verde sul petto e pantaloncini bianchi. Il bianco voleva sottolineare la massima lealtà che animava i giocatori, il verde per significare la speranza di far sempre meglio e conquistare vette sempre più alte. L'emblema della Vigor era formato dallo scudo in campo verde con la scritta Vigor in oro in una fascia bianca in alto e fascia tricolore in basso. Cambiò nome dopo la costituzione del comune di Lamezia Terme, in modo da rappresentare la nuova città.

Nella stagione 1920-1921 superò la Fortitudo Cosenza con i punteggi di 3-0 e 0-0 e vinse il campionato di Terza Categoria ma non partecipò alle finali per la promozione. Il 20 luglio 1922 batté 3-1 l'Ischia Monteleone. Nel 1923-1924 la Vigor disputò la Terza Divisione, campionato poi vinto dalla Palmese. Nel campionato di Terza Divisione della stagione 1927-1928, esordì il 22 luglio battendo la Paolana 3-0, con autorete di Pisani, gol di Mercuri al 40° e un rigore al 20° del secondo tempo. Successivamente il 29 luglio, la Vigor perse fuori casa con il Dopolavoro FFSS Cosenza, quindi il 5 agosto vinse in casa con la Catanzarese Scalfaro-Braccini. Alla fine del torneo giunse quinta. Nella stagione 1928-1929 la Vigor vinse il campionato di Terza Divisione ma non partecipò alle finali per la promozione, nel 1929-1930 giunse quarta a 2 punti dalla vincente Garibaldi Reggio Calabria. Nel 1930-1931 vinse il torneo di Terza Divisione, precedendo Reggina B e Gioiese, ma non fu promossa in quanto l'anno successivo non venne organizzato il campionato di Seconda Divisione.

Nel 1946-1947 la Vigor vinse il campionato di Prima Divisione e toccò l'apice della propria storia conquistando la Serie C. La Serie C 1947-1948 fu diluita in diciotto gironi, che comunque allineò nel girone della Vigor squadre importanti come il Foggia e il Catanzaro, provenienti dalla Serie B, il Foggia Incedit, il Crotone e il Potenza. Nella stagione da sottolineare le vittorie per 1-0 sul Foggia, che poi vinse il campionato, 1-0 al Potenza, 2-0 sull'Incedit e il 3-1 all'Audace con salvezza matematica a una giornata dal termine. La Vigor, non finendo nelle primissime posizioni, dovette abbandonare ugualmente la Serie C per la riforma dei campionati e venne assegnata alla nuova Promozione.

La Vigor Lamezia ritornò nei professionisti nel primo anno del campionato di Serie C2. Nella stagione 1978-1979, ottenne un quarto posto e sfiorò la promozione in Serie C1, mentre nel campionato 1979-1980 arrivò al penultimo posto e retrocedette in Serie D. Nel 1986-1987 vinse il Campionato Interregionale e si stabilizzò per sette stagioni consecutive in Serie C2. Nella stagione 1987-1988 lottò per la promozione in Serie C1 fallendola per un soffio finendo al terzo posto, da ricordare i confronti con il Palermo, che videro la Vigor vincere in casa 1-0 e pareggiare fuori casa 1-1. Una difficile situazione economica la portò nella stagione 1993-1994, dopo la retrocessione nel Campionato Nazionale Dilettanti con un deludente e inaspettato penultimo posto, al fallimento.

Nel 1994-1995 disputò il campionato di Promozione. Venne rifondata nell'estate del 1995 con il nome di Comprensorio Vigor Lamezia, dopo aver acquistato il titolo del Real Catanzaro, in realtà un titolo sportivo proveniente sempre da Lamezia, ovvero dall'Adelaide Nicastro, i quali dirigenti decisero di passare nei ranghi della Vigor Lamezia nella stagione 1990-1991, e vendettero il titolo al Chiaravalle che a sua volta lo cedette al Real Catanzaro. Quindi nella stagione 1995-1996 la Vigor ripartì dal Campionato Nazionale Dilettanti.

La Vigor ha sfiorato diverse volte la vittoria del campionato, così come nel 2003-2004 quando è superata dal Rende, ma grazie alla vittoria nei play-off contro Milazzo e Modica, è stata ripescata in Serie C2. Da quel momento ha militato per cinque anni consecutivi nella stessa categoria, sfiorando la Serie C1 nella stagione 2007-2008, essendo eliminata in semifinale play-off dal Real Marcianise, fino alla stagione 2008-2009 in cui è retrocessa in Serie D.

Nella stagione 2009-2010 si classifica al quarto posto in Serie D, vince i play-off e viene ripescata nel campionato di Seconda Divisione, tornando prontamente nel calcio professionistico. Nella stagione 2010-2011 si piazza al decimo posto e mantiene la categoria, mentre nel 2011-2012 lotta per la promozione diretta piazzandosi al terzo posto, ma viene eliminata in semifinale play-off dalla Paganese. Nel campionato 2012-2013 la squadra lotta per non retrocedere fino all'ultima giornata, quando, grazie al pareggio interno per 0-0 contro L'Aquila, riesce ad evitare i play-out. In questo campionato, ha il peggior attacco con soli 26 gol fatti, e la miglior difesa con appena 24 gol subiti.

Nel 2013-2014 arriva tra le prime otto, conquistando così l'accesso alla Lega Pro Unica

 

 

Squadra

Società Vigor Lamezia Calcio


Vigorstore

Acquista la divisa ufficiale

Prossimo allenamento

Prossimo allenamento Vigor Lamezia Calcio


Risultati e classifica

Risultati e classifica

Sponsor Tecnico

Royal Sponsor Tecnico


Sponsor Ufficiale

Ungaro La caldaia stufa

Prossima partita

Ultima partita

09-05-2015 17:30
 
Vigor Lamezia 2 : 2 U.S. Lecce

Highlights Partita

Highlights Partita Vigor Lamezia

Questo sito utilizza i cookies per garantirti una navigazione ottimale. I cookies sono necessari per usufruire di tutti i servizi offerti e a fini statistici. Proseguendo con la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni e/o per modificare le impostazioni di utilizzo dei cookies, clicca su Cookies policy